Albo Pretorio

EDITORIALE

Siamo persone con esperienze e sensibilità politiche diverse, anche molto diverse, ma tutte accomunate da un desiderio: partecipare alla vita politico-amministrativa della nostra Venosa, essere cittadini attivi che si impegnano per la conoscenza e la soluzione dei problemi che impediscono alla nostra città di crescere come meriterebbe.

Ci siamo chiesti: come concretizzare questo nostro desiderio oggi, in piena pandemia da coronavirus che comporta tutte le limitazioni che conosciamo?

La risposta che abbiamo trovato è racchiusa proprio in questo foglio che già nel titolo “Albo Pretorioreale e ideale” vuole manifestare quale sarà il nostro impegno.

L’Albo Pretorio è quella bacheca nella quale ogni Ente – nel nostro caso il Comune – pubblica gli atti di propria competenza che abbiano una qualche rilevanza esterna. In questo modo i cittadini possono venirne a conoscenza, far valere le proprie ragioni e partecipare in concreto alla gestione della cosa pubblica.

In passato l’Albo Pretorio conosceva soltanto la versione cartacea e bisognava recarsi nella sede municipale per poter prendere visione di ciò che deliberava il Comune: un impegno non irrilevante al quale si sottoponevano in pochi e soltanto se c’era un qualche interesse particolare da tutelare. Oggi l’Albo Pretorio è on-line e questo rende per tutti possibile, collegandosi da casa al sito del Comune, prendere visione, giorno dopo giorno, degli atti che pubblica il Comune: le delibere di Giunta e di Consiglio, le Determine dei dirigenti degli Uffici, le Ordinanze del Sindaco, le Autorizzazioni amministrative ed urbanistiche, i Bandi e gli Avvisi pubblici etc. Tutto è molto più facile e semplice. Ma ciò nonostante, non sembra che la partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica sia di molto cresciuta in questi ultimi anni.

Le ragioni possono essere diverse: la difficoltà a comprendere un linguaggio forse complicato per i non addetti ai lavori o, piuttosto, la convinzione che la politica sia “una cosa sporca” e che possa essere rischioso per i propri interessi provare ad occuparsene. Si preferisce così la critica sterile e distruttiva o, peggio ancora, “tacere del tutto”, pur essendo a conoscenza di quanto non va come dovrebbe. Raramente, poi, si arriva ad avanzare proposte concrete ed effettivamente realizzabili partendo dalle risorse economiche ed umane effettivamente disponibili.

Noi vogliamo provare ad invertire questa tendenza. Più nello specifico il nostro impegno consisterà in una lettura attenta degli atti pubblicati sull’Albo Pretorio del Comune e nella divulgazione di quelli ritenuti più importanti, con le annotazioni che ciascun redattore riterrà opportuno svolgere. Ma non mancheranno anche le proposte.

Al lavoro di analisi e divulgazione dell’attività amministrativa di chi ha oggi la responsabilità della guida del Comune di Venosa riserviamo le pagine della sezione “Albo Pretorio reale”.Nelle pagine, invece, di “Albo Pretorio ideale” saranno pubblicate le proposte, ciò che si vorrebbe che il Comune facesse.

Concludiamo con due puntualizzazioni ed un invito.

Ogni redattore esprime liberamente le sue valutazioni e non impegna l’intera redazione.

Sui temi trattati possono ben esserci proposte alternative perché non è nostro fine affermare delle “verità” quanto piuttosto favorire la conoscenza, il dibattito ed il confronto, attraverso diversi punti di vista.

Infine chiediamo a coloro che condividono le finalità del nostro lavoro di darci una mano sia diffondendo questo foglio (che avrà anche una versione on-line: apri.altervista.org) sia facendo pervenire le proprie proposte (indirizzo e-mail apriredazione@gmail.com) in forma breve, propositiva e rispettosa di chi la pensa diversamente così da essere pubblicabili.

Venosa, marzo 2021 La Redazione

Per una lettura on-line di “Albo Pretorio” cliccare sul seguente link: https://apri.altervista.org/category/home/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.